Alla scoperta delle solid surface o “Corian”

Per capire che impostazione dare a questo post è stato divertente andare a curiosare sul web cosa fosse già stato scritto digitando alcune paroline quali “solid surface”, “corian”, “piano cucina”. Diciamo che in generale si tratta di parole chiave che in un certo senso denotano già una conoscenza di base dei materiali che possono essere utilizzati per realizzare un piano di lavoro. Tuttavia, come ben sappiamo, sulla rete ci si imbatte con molta facilità in milioni di informazioni spesso frammentate, senza un contesto sufficientemente definito e provenienti da fonti molto diverse tra loro. Le uniche certezze restano le totali incertezze delle persone che dopo aver posto una domanda su un forum d’arredo si vedono ricevere una decina di risposte tra le più disparate, che alla fine raramente aiutano in modo concreto alla scelta.

Il piccolo sondaggio sul web era limitato a raccogliere un’impressione generale dei primi risultati su Google avviando una ricerca con le parole sopra indicate, perché l’intento era quello di immedesimarsi nel non professionista del settore che di fronte ad una serie di preventivi per un piano di lavoro, anche molto diversi tra loro, vuole trovare delle informazioni che lo aiutino a decidere.

Detto ciò, sulla rete vi sono anche molti contenuti completi ed esaustivi su siti che magari, se non li si conosce già, non ottengono un buon posizionamento sui motori di ricerca e sfuggono ai non addetti del settore.

Ad ogni modo questo articolo si pone come obiettivo quello di fornire una spiegazione su cosa sono le solid surfaces o “Corian”, materiali che trovano un ottimo impiego in diversi ambiti, tra cui i piani di lavoro (cucine, bagni, lavanderie, banconi, etc.). L’intento è quello di non fornire un giudizio, ma di presentare le caratteristiche principali in modo da poterne comprendere la natura e poter valutare o orientare con maggior consapevolezza il proprio cliente o interlocutore nella scelta.

COSA È UNA SOLID SURFACE O “CORIAN”

 

Per solid surface si intende una tipologia di materiale inventato negli anni sessanta dall’azienda chimica americana DuPont. Purtroppo non esiste in italiano una traduzione corrispondente. Nel parlato comune ci si intende riferendosi al termine “Corian”, che tuttavia altro non è che il nome commerciale attribuito dalla DuPont al materiale di sua invenzione. Il sostantivo Corian è perciò entrato a far parte del linguaggio quotidiano alla pari di termini come brugola, scottex o scotch, ovvero nomi propri che si sono diffusi a tal punto da essere utilizzati alla stregua di nomi comuni, ma che di fatto sono denominazioni commerciali.

DI COSA È FATTA UNA SOLID SURFACE O “CORIAN”

 

Nella sostanza una solid surface o “corian” è una miscela di sostanze minerali in polvere (idrossido d’alluminio) e resine termoplastiche, che viene lavorata a livello industriale e generalmente distribuita sottoforma di lastre di diverse misure e spessori. Il materiale viene poi acquistato dai vari trasformatori, che possono essere laboratori specializzati nella lavorazione delle solid surfaces o falegnamerie, che si occupano della realizzazione dei manufatti desiderati.

COME SI PRESENTA UNA SOLID SURFACE O “CORIAN”

 

Rispetto ad altri materiali impiegati nella produzione di piani di lavoro, le solid surfaces presentano alcune caratteristiche uniche nel loro genere. Esteticamente il materiale appare omogeneo in tutto il suo spessore. A seconda del produttore la gamma di colori ed effetti può raggiungere anche un centinaio di versioni: colore pieno in diverse tonalità, miscele a grana più o meno fine, effetti lapidei, marmorizzati, cemento, etc. Al tatto è piacevole, poiché si presenta liscio e satinato, per certi versi morbido.

CARATTERISTICHE DI UNA SOLID SURFACE O “CORIAN”: TERMOFORMABILITA’

 

La componente minerale conferisce al materiale una certa durezza e rigidità, rendendolo adatto ad un ambiente di lavoro. Mentre la componente resinosa, oltre ad avere una funzione legante, è in grado di conferire al materiale una caratteristica molto particolare: la termo-formabilità. Con le solid surface è possibile infatti realizzare curvature o qualunque tipo di forma, anche la più complessa, grazie alla capacità del materiale di poter essere modellato se portato ad una certa temperatura (oltre i 150 °C). Tale caratteristica diventa molto interessante nell’ambito della progettazione perché consente di superare i limiti che impongono ad esempio i materiali a base pietra o quarzo.

CARATTERISTICHE DI UNA SOLID SURFACE O “CORIAN”: GIUNZIONI IMPERCETTIBILI

 

Un’altra caratteristica unica consiste nella possibilità di rendere impercettibili le giunte tra due lastre o tra più parti. Se con la maggior parte dei materiali utilizzati per realizzare piani di lavoro siamo costretti a fare i conti con le intercapedini che necessariamente si creano tra un pezzo e l’altro (vedi il marmo, il laminato, le ceramiche, etc.) con le solid surfaces si è in grado di eliminare le fughe e le intercapedini tra una lastra e l’altra grazie al’utilizzo di adesivi in tinta che saldano i vari pezzi e rendono impercettibili le giunte. Tale caratteristica rappresenta un elemento di assoluta bellezza, poiché alla vista regala un gradevole effetto di continuità anche con i lavelli o i lavabi, che possono essere realizzati nello stesso materiale. L’impercettibilità delle giunzioni offre anche un prezioso valore aggiunto ai fini della pulizia quotidiana della superficie. Lo sporco viene eliminato facilmente, senza possibilità di accumularsi in eventuali fessure.

Giunzioni impercettibili

MANUTENZIONE DI UNA SOLID SURFACE O “CORIAN”

 

Dal punto di vista della porosità le solid surfaces presentano buone prestazioni in quanto sono impermeabili ai liquidi. È bene comunque evitare il contatto prolungato con liquidi che possono contenere sostanze coloranti, quali caffè, tè, vino, zafferano, inchiostri. E’ inoltre opportuno evitare completamente il contatto con solventi, quali acetone, acqua ragia, etc. poiché non vanno d’accordo con le resine termoplastiche contenute nelle solid surfaces.

La pulizia quotidiana può essere effettuata con una crema abrasiva leggera o con un comune detergente (ad es. Cif). La pulizia più profonda può essere effettuata con candeggina diluita con acqua (3/4 di candeggina e ¼ di acqua).

Dal punto di vista meccanico il Corian è un buon materiale, anche se non ci si deve immaginare la durezza dei materiali a base pietra. Lame taglienti o punte possono segnare la superficie. Così come il contatto con pentole molto calde. Perciò è bene evitare di appoggiare materiali incandescenti direttamente sul Corian e quando si butta acqua bollente nel lavello è bene far scorrere contemporaneamente dell’acqua a temperatura ambiente.

CARATTERISTICHE DI UNA SOLID SURFACE O “CORIAN”: RIPARABILITA’

 

Nonostante tali accorgimenti, qualora il piano si fosse graffiato o danneggiato, un altro aspetto molto interessante delle solid surfaces è la possibilità di poterle riparare, senza dover necessariamente pensare ad una sostituzione. Il Corian, grazie alla sua composizione, può essere rilevigato sul posto da chi normalmente lo lavora e così rigenerato. Tale operazione asporta una quantità minima di materiale, ma ciò consente di eliminare graffi e imperfezioni che nel tempo possono essersi accumulati.

OFFERTA SUL MERCATO

 

Attualmente sul mercato non vi è solo Corian Dupont come solid surface, benché sia ancora leader nel settore, ma esistono diversi marchi, ciascuno con le proprie peculiarità. Le differenze tra un marchio e l’altro possono riguardare la composizione della miscela, l’utilizzo di resine acriliche o poliestere, le dimensioni e gli spessori delle lastre, le misure dei lavabi e dei lavelli di serie, la ricerca estetica, la gamma dei colori e degli effetti offerti e di conseguenza le variazioni in termini di prezzo che ciò comporta.

Qualora volessi approfondire la conoscenza di questo materiale ti invitiamo a contattarci per fissare un appuntamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − sedici =

iscrizione newsletter

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy ed autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n. 196/2003.

dati società


TRAGNI S.r.l. LEGNAMI e PANNELLI
Via Don Minzoni, 8 - Zona industriale S. Andrea - 20826 Misinto (MB)
telefono +39 02 96720409 - fax +39 02 96729191

P.IVA/COD.FISC. 01498170131
CAPITALE SOCIALE Euro 118.000,00 i.v.
R.E.A. DI MONZA E BRIANZA N. 1819662